Blog

13/09/18

WhatsApp Business, aggiornamenti e anticipazioni

Obbligo di risposta entro 24 ore, pubblicità sugli status, utilizzo del numero fisso e molto altro. Le notizie più importanti su WhatsApp Business, aggiornate a settembre 2018.

È forse LA notizia per eccellenza dell’anno in corso, soprattutto per chi vuole sviluppare la comunicazione web di un’attività commerciale. Da gennaio, infatti, le aziende di tutto il mondo tengono d’occhio ogni piccola mossa di WhatsApp, che proprio nove mesi fa sul proprio blog ha annunciato l’arrivo di un servizio di messaggistica istantanea dedicato alle imprese.

Esatto, WhatsApp Business.

Abbiamo già parlato delle caratteristiche principali di questa applicazione gratuita che permette alle aziende di automatizzare, organizzare e rispondere velocemente ai messaggi dei propri clienti e contatti. Se vuoi avere una panoramica completa sullo strumento, ti suggeriamo di leggere ora il nostro articolo WhatsApp Business, tutto quello che c’è da sapere.

Vuoi iniziare ad usare WhatsApp Business? Richiedi una consulenza gratuita

Qui vogliamo aggiornarti sulle ultime novità introdotte da Facebook, proprietario di WhatsApp Business, che rendono l’applicazione sempre più indispensabile per le imprese desiderose di crescere migliorando il proprio customer service.

WhatsApp per le aziende: cosa cambia

Ci siamo presi del tempo per curiosare su internet e abbiamo raccolto i frutti più succosi della nostra ricerca all’interno di questo post. Sono gli aggiornamenti più sostanziosi rispetto alle informazioni che ti abbiamo dato nel nostro ultimo articolo.

Obbligo di risposta entro le 24 ore

Il cliente con le sue esigenze è al centro del sistema. E l’azienda di turno, per soddisfarlo, ha il dovere di rispondere alle sue richieste il prima possibile.

Qual è la prima notizia? WhatsApp avrebbe già dato il via libera ad un espediente intelligente per “costringere” le imprese ad essere impeccabili nei confronti dei propri contatti: il pagamento di una piccola somma di denaro nel caso in cui le risposte ai messaggi ricevuti via WhatsApp Business vengano inviate dopo 24 ore dalla ricezione della richiesta. Per il momento l’applicazione di messaggistica non ha ancora rilasciato una data di attivazione della funzione.

Nello specifico la normativa verrà applicata soltanto alle attività in possesso di WhatsApp Business e interesserà i meccanismi di gestione del servizio clienti, non tanto l’invio spontaneo di messaggi promozionali ai contatti. Le aziende dovranno pagare solo in caso di ritardo nella risposta ai clienti, superate le 24 ore. Il costo per singola operazione – queste le ultime indiscrezioni – oscillerà tra 1 e 9 centesimi; la quota che saranno tenute a versare a WhatsApp verrà calcolata di volta in volta in base al tempo di risposta.

Insomma il customer service attento, veloce ed efficiente diventa sempre più rilevante. E tu, che vuoi iniziare ad usare WhatsApp Business per migliorare la comunicazione aziendale, forse ti stai chiedendo come farai a gestire tutto da solo o con l’aiuto di pochi collaboratori. Conosci già le grandi potenzialità dei chatbot? Sono assistenti virtuali, perfetti addetti al servizio clienti, basati su software online. Per approfondire leggi il nostro post Chatbot: cosa sono e perché dovresti usarli nella tua attività; restiamo comunque a tua disposizione se hai dubbi o domande.

Nel frattempo andiamo avanti: le novità su WhatsApp Business non sono ancora finite.

Status con contenuti pubblicitari

Sembra proprio che Mark Zuckerberg le stia pensando tutte per monetizzare con i profili WhatsApp Business: uno spazio particolarmente adatto alla promozione dei messaggi pubblicitari potrebbe diventare lo status, che funziona come le Facebook e le Instagram Stories.

La sperimentazione è ancora in corso – sta coinvolgendo circa cento brand tra i quali Uber, Wish e Singapore Airlines -, ma abbiamo modo di credere che entro il 2019 tutte le attività commerciali potranno usufruirne.

Riassumendo, ecco le principali caratteristiche e vantaggi della funzione “Stato” di WhatsApp Business come canale di informazione promozionale:

le pubblicità all’interno dello status di instant messaging saranno visibili per 24 ore dal momento della pubblicazione;

una spunta verde certificherà l’attendibilità del messaggio emesso da ciascun profilo Business;

i messaggi nello status rappresenteranno un’opportunità di marketing per le aziende, che potranno stimolare conversazioni one-to-one direttamente su WhatsApp;

la comunicazione tramite status, se veicolata con criterio a fronte di una strategia ragionata, metterà l’azienda in contatto con nuovi potenziali clienti.

Status di WhatsApp Business e Instagram Stories, insomma, hanno già molti elementi in comune. Se ti può interessare, abbiamo scritto un articolo dettagliato sulle Stories, arricchito da spunti e tecniche di social media marketing: Instagram Stories, come e perché usarle nel marketing. Ruba pure qualche idea per la tua futura strategia su WhatsApp Business.

Vuoi iniziare ad usare WhatsApp Business? Richiedi una consulenza gratuita

Utilizzo dell’applicazione con un numero fisso

WhatsApp Business non deve per forza essere associato ad una SIM mobile. Lo sapevi? In pratica puoi tranquillamente usare l’applicazione anche con un numero di telefono fisso, seguendo le indicazioni durante il processo di verifica – ad un certo punto dovrai scegliere l’opzione “Chiamami” per ricevere il codice per telefono.

Ricorda che ciò è consentito solo agli utenti WhatsApp Business, non WhatsApp.

Questo aggiornamento semplifica la vita alle piccole e medie imprese che utilizzano già la rete fissa quotidianamente. Dall’altra parte clienti e contatti possono scegliere se chiamare l’azienda oppure chattare con i suoi referenti da smartphone, tablet o pc via WhatsApp. Se pensi al numero di utenti mensili dell’app, circa un miliardo e mezzo su base globale (dato aggiornato a febbraio 2018), allora capisci che si tratta di una vera e propria rivoluzione.

LEGGI ANCHE: Chatbot e cinema, come fidelizzare e aumentare gli spettatori

Chissà – aggiungiamo noi – magari torneranno alla ribalta numeri sui quali nessuno avrebbe scommesso, impiegati per fax e call center. Staremo a vedere.

Raccolta delle conversazioni in un database

Su Tecnoapple, infine, abbiamo scovato l’ultima notizia che vogliamo condividere con te.

Il sito internet riporta queste parole:

“[WhatsApp Business] sarà inoltre integrabile con alcuni software ‘customer relationship manager’. Più precisamente le aziende potranno mantenere all’interno di un database, tutte le conversazioni avute con i clienti”.

Come vedi, il materiale è piuttosto scarso per fare previsioni accurate; possiamo però già intuire che un tool di questo tipo potrebbe essere molto apprezzato dalle aziende. In altre parole tutte le conversazioni azienda-clienti potrebbero essere salvate, catalogate e studiate come base per nuove strategie di digital marketing. Tu cosa ne pensi?

WhatsApp Business Web: funzionamento e vantaggi

Vogliamo sottolineare un altro aspetto di WhatsApp Business che ti convincerà a scaricare l’applicazione e ad usarla per la tua attività: grazie alla sua versione Web – proprio come avviene per WhatsApp classico – l’app aziendale è facilmente accessibile anche da desktop.

WhatsApp Business Web rende pratica ed efficiente la gestione dei tuoi contatti di lavoro, da personal computer appunto. Non sei costretto a controllare continuamente i messaggi in entrata sul tuo smartphone, anzi mentre sei al pc hai tutto a portata di clic, sullo schermo di fronte a te.

Con la versione Web è ancora più facile rispondere alle richieste che arrivano dalle persone invogliate a cliccare sul pulsante WhatsApp del tuo sito, ad esempio; sì perché puoi anche integrare la chat di WhatsApp all’interno di una landing page o una pagina web qualsiasi, e collegarla al tuo account WhatsApp Business.

Come? Inserendo un apposito link creato da WhatsApp dove preferisci, che in modo automatico associa la richiesta di avvio conversazione degli utenti internet al tuo numero aziendale. I passaggi sono spiegati nella pratica nell’articolo di Joomla Come integrare WhatsApp nel proprio sito.

Quando uscirà WhatsApp Business per iOS?

L’abbiamo dato per scontato fino ad ora perché è risaputo (tu forse l’hai già letto nel nostro articolo precedente): da quando è sul mercato WhatsApp Business è disponibile solo per Android. A maggio 2018, cinque mesi dopo la pubblicazione, l’applicazione contava già tre milioni di utenti nel mondo. Comunità Apple esclusa.

Quando verrà rilasciata la versione per iOS? Non possiamo saperlo. Gli Apple-addicted hanno più volte sollecitato WhatsApp, la quale ha rassicurato il pubblico informando di essere già al lavoro sull’app per i clienti della “mela”.

Nel mentre il colosso di Cupertino non è rimasto con le mani in mano: ha infatti iniziato a sviluppare lo strumento Business Chat all’interno della propria applicazione Messaggi; se tutto andrà come previsto, gli utenti iOS potranno effettuare acquisti all’interno della chat e le imprese mettere in piedi un sistema di customer care. Ma questa, in fondo, è tutta un’altra storia che meriterebbe un post a parte.

Ti terremo aggiornato sui prossimi sviluppi.

Vuoi iniziare ad usare WhatsApp Business? Richiedi una consulenza gratuita

Altri articoli

test-ab-cover
Test A/B: come funzionano e perché sono fondamentali

Se vuoi massimizzare le conversioni sul tuo sito, c’è un ottimo metodo da seguire: i test A/B. Scopri come farli e quali sono gli errori da evitare.

seo-copywriting-cover
SEO copywriting: cos’è, linee guida e libri

I tuoi testi web devono essere accattivanti e ben scritti, sì, ma se ignorano i motori di ricerca potrebbero non essere mai letti. Dritte e consigli per farli svettare.

chatbot-cinema
Chatbot e cinema, come fidelizzare e aumentare gli spettatori

Rispondere alle richieste degli spettatori 24 ore su 24 ore senza perdere neanche un contatto? Si può, ecco la soluzione.

Buyer personas: cosa sono, esempi e 3 strumenti gratuiti per crearle

Cosa sono le buyer personas? Perché sono importanti per la tua strategia web? Condividiamo con te alcuni tool utili che usiamo per definirle.