Blog

29/08/17

come-scrivere-sul-web

Come scrivere per il web: gli errori da evitare

Che siano presentazioni, annunci, articoli, recensioni o semplicemente pagine di un sito, i testi web vanno scritti seguendo regole precise.

Se vi sentite persi o impreparati ogni volta che dovete scrivere qualcosa su internet, questo è l’articolo che fa per voi. Dovreste leggerlo anche se scrivete (troppo) a cuor leggero, senza porvi domande che possono fare la differenza. Probabilmente fate errori piuttosto comuni che compromettono l’efficacia dei vostri testi. Per migliorarli, e conquistare i vostri lettori online, vi basterà mettere in pratica una serie di semplici regole.

1. Scrivere subito… che cosa?

NO all’ordine rigido introduzione-svolgimento-conclusione.
alle informazioni più importanti in cima alla pagina.

Scrivete subito il nocciolo della questione, mettete in primo piano il messaggio principale del testo. Pensate ai lettori del vostro blog: chi legge su internet va di fretta, guarda le foto quando hanno soggetti forti, è attratto dai titoli – spesso le prime due o tre parole sono le uniche ad essere lette. Non state scrivendo un tema scolastico, ma un testo che dice tutto già nel titolo, sottotitolo, abstract e incipit.

2. Aiutare chi legge

NO ai muri soffocanti di parole.
ai paragrafi separati dagli spazi.

Non abbiate paura degli spazi bianchi sulla pagina, anzi usateli per raggiungere il vostro obiettivo: favorire la leggibilità del testo. Gli spazi sono come le pause nella conversazione e aiutano i lettori a riprendere fiato. Suddividete i pensieri in paragrafi di senso compiuto affinché siano comprensibili e completi anche senza il resto dell’articolo, isolate le informazioni per dargli maggiore visibilità. E non solo, una maggior leggibilità dei contenuti aiuta indirettamente il posizionamento del sito in ottica SEO.

Come scrivere per il web: regole e consigli

3. Scrivere liste

NO agli elenchi scritti a caso.
alle voci ragionate e simmetriche.

Scrivete liste ed elenchi per facilitare la lettura dei vostri testi. Aiutate i lettori a trovare subito ciò che cercano, schematizzate i contenuti al loro posto, spezzate la monotonia visiva della pagina web. Scegliete l’elenco numerato quando volete indicare passi ordinati da seguire; optate per il puntato negli altri casi. E ricordate che le voci dell’elenco dovrebbero avere la stessa struttura sintattica e lunghezza.

P.S. trovate questi e moltissimi altri consigli nel libro Lavoro, dunque scrivo! di Luisa Carrada.

lavoro-dunque-scrivo-carrada

4. Evidenziare ciò che conta

NO ai testi piatti e monotoni.
ai font declinati nei diversi stili.

Giocate (bene) con gli strumenti di editing che avete a disposizione. Evidenziate le parole chiave del vostro testo con il grassetto, cercando di non esagerare – troppi grassetti, infatti, rischiano di disorientare. Scrivete in corsivo i titoli e le parole tecniche o straniere; usate il sottolineato soltanto per segnalare un link. Colori diversi? Solo se volete emozionare o persuadere.

5. Scegliere le parole giuste

NO ai gerghi inutili e forzati.
alle parole concrete di tutti i giorni.

Semplificate, semplificate, semplificate. Scrivete come parlate, o quasi. Usate un linguaggio semplice e chiaro, scrivete con il vocabolario di chi legge. È il vocabolario italiano fondamentale, che secondo il linguista Tullio De Mauro contiene 1991 parole, le più usate in assoluto nella nostra lingua. Importantissimo: se scrivete per un’azienda, riproducete il suo tone of voice usando le parole giuste. Inserite termini stranieri solo quando non ci sono i corrispettivi italiani.

6. Far “pulsare” i testi

NO ai fiumi di sostantivi.
ai verbi attivi.

Se per spiegare un concetto vi capita di dover scegliere tra un sostantivo o un verbo, usate il secondo. I sostantivi hanno il difetto di rendere le frasi statiche e pesanti; i verbi al contrario indicano un’azione e donano al testo dinamicità e vividezza. Soprattutto sul web i verbi hanno lo straordinario potere di spingere gli utenti a fare qualcosa, ad esempio mandare una mail o finalizzare un acquisto (call to action).

Hai bisogno di aiuto per scrivere i tuoi testi?

Altri articoli

Creare un sito web. 4 domande da porsi

Che cosa bisogna chiedersi nella fase di progettazione di un sito web? Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per fare un buon lavoro?

Coming soon: Finché c’è Prosecco c’è speranza

MP Quadro al lavoro sul sito web e sulla comunicazione social del film diretto da Antonio Padovan, tratto dall’omonimo romanzo di Fulvio Ervas.

sarahah-come-funziona-messaggi-anonimi
Cos’è Sarahah, la nuova app per inviare messaggi anonimi

La nuova app di messaggistica istantanea sta ottenendo un successo incredibile, anche se cresce il timore che possa incentivare il cyberbullismo.

Come imbucarsi alla Mostra del cinema di Venezia

...insieme alla redazione di App al Cinema, app firmata MP Quadro? 4 modi +1 per partecipare alla famosa kermesse cinematografica.