Blog

27/07/17

Clienti in agenzia: 7 tipologie gettonate

Indovina indovinello, qual è il cliente tipo più “temuto” da grafici, programmatori e copywriter? Dal migliore al peggiore: la top 7 ufficiale di MP Quadro.

Entrano ed escono, chiamano e scrivono. Piombano in ufficio senza preavviso. Oppure, al contrario, si presentano e non si fanno più sentire fino al fatidico giorno cerchiato sul calendario: la deadline per la consegna del lavoro. Sono i clienti tipo dell’agenzia di comunicazione. Sono tanti, tutti diversi. Non sempre sono facili da gestire, ma spesso regalano belle soddisfazioni.

I clienti di MP Quadro possono rientrare in sette categorie (in realtà sono molto di più, ma meglio non complicarsi la vita!); eccole una dietro l’altra, ordinate dalla meno peggio… alla peggiore.

7. Il più unico che raro

In due parole: il cliente perfetto. Ha le idee chiare, sa ascoltare, è puntuale e preciso nell’inviare il materiale richiesto. È aperto e disponibile al dialogo, fa critiche costruttive. Utopia? No, esiste per davvero! È solo questione di fortuna.

6. Il desaparecido

Si presenta all’appuntamento e spiega il servizio di cui ha bisogno. Saluta ringraziando e distribuendo il suo biglietto da visita con contatto mail e numero di telefono. Poi basta, il nulla. Bombardarlo di chiamate non serve: richiamerà lui nel momento meno opportuno.

5. Il logorroico

Innamorato del suono della sua voce, è il classico cliente a cui piace parlare. Certamente sa intrattenere i suoi interlocutori, ma c’è il rischio che perda il controllo. Arriva al dunque solo se interrotto e guidato da un bravo moderatore. Altrimenti sarà solo tanto fumo e poco arrosto.

4. Il “caso”

Decifrare il suo linguaggio è una bella impresa. Avere a che fare con un cliente criptico è come risolvere un enigma: quando la soluzione sembra ormai vicina, ecco che qualcosa cambia e bisogna ricominciare daccapo. Con lui ci vuole pazienza e spirito d’adattamento.

3. Il falso delegante?

Dice di rivolgersi alla web agency perché è consapevole di non sapere niente di SEO e di marketing. Descrive le sue necessità ma è felice di lasciare carta bianca al team di lavoro. È un leone travestito da agnellino perché alla fine vorrà imporre la sua idea. Occhi aperti!

2. L’amico

È quello del “mi faresti un favore”. Capita spesso in agenzia, anche solo per salutare. Ogni tanto ha anche bisogno di una stampa, una grafica o magari un post social; in nome di un rapporto che va avanti da anni, non si può dire di no. E via di qualità e velocità. Già.

1. L’impaziente

Vuole tutto e subito. La priorità assoluta è e dev’essere lui. Assegna compiti per la settimana di Ferragosto, manda richieste di lavori urgenti tra Natale e Capodanno. Bisogna accontentarlo, non ci sono altre soluzioni. E il livello di stress va alle stelle…

Dite che ci siamo oppure manca qualche categoria fondamentale?

Altri articoli

Come imbucarsi alla Mostra del cinema di Venezia

...insieme alla redazione di App al Cinema, app firmata MP Quadro? 4 modi +1 per partecipare alla famosa kermesse cinematografica.

Tone of voice
Mini guida per impostare il tone of voice aziendale

Un'azienda con personalità comunica al suo pubblico con un tone of voice ben definito. Il processo step by step per impostarlo subito!

seo-ottimizzazione-motori-ricerca-1
La SEO: cos’è e come funziona, in parole semplici

Tecniche e strategie per ottimizzare i siti internet. Perchè gli utenti sono il nostro lido, ma i motori di ricerca i traghettatori.

Perché i video sono il futuro della comunicazione?

Chi decide di puntare sui video per comunicare sul web, conosce molto bene le enormi potenzialità di questo strumento. E si muove nella direzione giusta.